Smettere di fumare, non è mai troppo tardi

10 febbraio 2024

Smettere di fumare, non è mai troppo tardi

Smettere di fumare, non è mai troppo tardi

Smettere di fumare significa recuperare salute in pochi anni. Un nuovo studio dell’Università di Toronto mostra, infatti, che i fumatori che smettono prima dei 40 anni hanno una aspettativa di vita quasi quanto quelli che non hanno mai fumato. E se si rinuncia al tabacco, indipendentemente dall’età, significa raggiungere i livelli di rischio di morte prematura di coloro che hanno smesso da 10 anni. Non solo, la metà dei benefici si ottiene entro soli tre anni.

 

«Smettere di fumare è straordinariamente efficace nel ridurre il rischio di morte prematura e le persone possono recuperare salute in modo molto rapido. Molte persone pensano che sia troppo tardi per smettere di fumare, soprattutto nella mezza età, ma questi risultati smentiscono questa linea di pensiero. Aiutare le persone a smettere di fumare è uno dei metodi più efficaci per migliorare la salute delle persone» afferma Prabhat Jha, uno degli autori dello studio pubblicato su  Nejm Evidence.

Smettere di fumare allunga la vita. E di tanto

Smettere di fumare

La Ricerca ha incluso 1,5 milioni di adulti di quattro paesi – Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Norvegia – seguiti per 15 anni. Dai dati analizzati è emerso che i fumatori di età compresa tra i 40 e 79 anni avevano un rischio di morte prematura quasi triplo rispetto a coloro che non avevano mai fumato. Il che significa perdere, in media, dai 12 ai 13 anni di vita.

 

Il rischio di morte prematura si è ridotto del 30 per cento per le persone che hanno deciso di smettere di fumare. E chi lo sta facendo da meno di tre anni ha già ‘guadagnato’ 5 anni in più di aspettativa di vita.

Nessuna scusa, quindi, per liberarsi subito da un vizio davvero dannoso per la salute

Inoltre, smettere di fumare da meno di 3 anni ha visto ridursi rischio  inferiore del 95% nelle donne e del 90% negli uomini di età inferiore ai 40 anni. Notevoli benefici anche persone di età compresa tra 40 e 49 anni: 81 % per le donne e 61%, per gli uomini.

Percentuali importanti anche tra i 50 e i 59 anni: il 63% per le donne e 54% per gli uomini.

Foto: Pixabay, Unsplash